E dopo sette anni di nuovo in tutti gli store musicali "La salita" di Giampiero Mazzone

05/giu/2020 11:43:36 Mind The Gap Communication Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 6 mesi fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
E dopo sette anni di nuovo in tutti gli store musicali "La salita" di Giampiero Mazzone
“La Salita” è il titolo del nuovo lavoro discografico di Giampiero Mazzone co-prodotto tra Terre Sommerse e Barvin edizioni musicali, che esce dopo 7 anni dal precedente “Cent’anni” ed. Terre Sommerse.
La realizzazione del disco è stata possibile soprattutto grazie alla passione, sensibilità e professionalità di Max Rosati, musicista di altissimo livello, persona attenta, dal gusto decisamente "raffinatissimo" come lo definisce lo stesso Mazzone: "Confesso - asserisce - che stavo quasi per rinunciarci, quando con Max, col quale ci conosciamo da anni, ma la vita ci aveva portati da altre parti, ci siamo ritrovati"

Dopo varie vicissitudini e prove "gomito a gomito" si è riusciti, finalmente, a realizzare questo inimitabile progetto! Hanno contribuito: Gianni Cilia (Chitarre), Giulio Porega (percussioni), Leonardo Mattiello (Basso), Tony Brunetti (pianoforte e fisarmonica), Luciano Orologi (fiati) e Luca Trolli (batteria) e la partecipazione vocale di Francesco Giuffrida in “Strade”, registrata da Riccardo Samperi presso la “TRP MUSIC” di Tremestieri Etneo (Ct).

I Brani del disco sono 9, di cui due sono versioni acustiche. Sono stati composti tutti da Giampiero Mazzone, tranne “Dietro la porta” di Cristiano De Andrè e Daniele Fossati: un brano che avrebbe voluto cantare da tempo.

1)     Bella dannazione

2)     All’improvviso Aprile

3)     La notte della vita

4)     Bedda bedda

5)     Dietro la porta

6)     Rose e gramigna

7)     Strade

8)     Bella dannazione (versione acustica)

9)     All’improvviso Aprile (versione acustica)

 
Biografia 

Siciliano di nascita e romano di adozione, autore e compositore, Giampiero Mazzone è considerato un cantautore dai toni garbati e raffinati con un’attenta analisi testuale sulla società nella sua interazione con l’animo umano individuale, colto nei suoi sentimenti più profondi.

Dopo aver trascorso l’adolescenza a Vizzini, un piccolo paese siciliano, tra i luoghi e i libri di Verga, le canzoni di Modugno alla radio, i canti dei carrettierinelle orecchie, e un grande amore per il jazz – specie quello di stampo ECM e la canzone d’autore italiana, Mazzone si dedica alla ricerca e riproposta della musica popolare tradizionale facendo parte di diverse formazioni presenti in questo settore come la "Taberna Mylaensis" e "Meridiano 15".

In seguito fonda egli stesso gruppi musicali ("Fronne", "Gruppo di Centonia", "Ammaruvaja") in cui, accanto alla riproposta di brani della tradizione, comincia a proporre brani di propria composizione.

Nel 1984 si trasferisce a Roma dove fonda i "Tuckièna" coi quali partecipa a diverse rassegne nazionali di musica mediterranea ("Né sole né luna" a Benevento, "Dialoghi mediterranei" a Ravello ed altre).

Nel 1998 vince il Premio speciale della critica e della Siae alla IX edizione del Premio della Critica a Recanati, con il brano "Il mare" soltanto e, sempre nel 1998, partecipa alla terza edizione del "Salone della musica" al Lingotto di Torino ospite nello stand della Siae.

Nel 2002 produce "L’avvicinamento", un importante lavoro discografico che assembla senza stereotipi musica d’autore, jazz e matrice popolare. Nello stesso periodo e per due anni consecutivi (2002 e 2003), vince il Premio De André.

Come autore di testi, Mazzone ha scritto per i Kaballà, Carlo Muratori, Edoardo De Angelis, Mario Salvi, il Canzoniere della Ritta e della Manca, gli Acustimantico, collaborando con altrettanti musicisti di rilievo quali la Nuova Compagnia di Canto Popolare, Nada e gli Avion Travel.

     

 

Link utili


Terre Sommerse - http://www.terresommerse.it/
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl