Due o più gatti sotto lo stesso tetto, una convivenza possibile

16/nov/2021 15:44:00 Gatti Ragdoll Silmarilions Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 30 giorni fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il gatto è notoriamente un animale territoriale, quindi alla domanda "è possibile far convivere più gatti sotto lo stesso tetto?" verrebbe spontaneo rispondere di no.

Ma se pensiamo ai tanti felini che vivono in colonie, per di più prendendosi cura gli uni degli altri, ci sentiamo subito incoraggiati.

L'approccio iniziale, naturalmente, è idilliaco solo in rarissimi casi: il più delle volte, al loro primo incontro i due futuri fratelli si guardano "in gattesco", con tanto di soffi e miagolii.

Cosa fare per facilitare l'integrazione? La parola d'ordine è: gradualità. La confidenza deve nascere spontaneamente e con i suoi tempi, quindi niente forzature dettate dall'impazienza di vederli andare d'amore e d'accordo.

Nei primissimi giorni sarà bene limitare i movimenti del nuovo arrivato ad un ambiente separato, dove l'altro (o gli altri, se ce n'è più di uno) non possa avere accesso.

Nel frattempo, si farà annusare ad ognuno di loro un oggetto appartenente all'altro. I gatti, infatti, vivono in un mondo di odori: questo scambio olfattivo crea le condizioni per una conoscenza preliminare.

Il primo incontro dovrà avvenire in uno spazio "neutrale" e sotto stretta sorveglianza, magari con qualche giochino per agevolare la socializzazione.

Due o più gatti sotto lo stesso tetto, una convivenza possibile

All'umano, in questa situazione, spetta il compito di intervenire solo in caso di aggressione: per il resto, è importante lasciare ai mici la libertà di osservarsi. Niente rimproveri in caso di soffi, miagolii minacciosi e altri comportamenti ostili: è molto importante che avvertano attorno a sé la massima serenità.

Per quanto riguarda gli effetti personali (cucce, ciotole, giochini, ecc.) è sempre consigliabile mettere a disposizione un corredo per ognuno dei mici: saranno loro a decidere se e quando condividere gli oggetti. Col tempo, il loro rapporto si farà sempre più stretto e confidenziale,

Naturalmente, ogni caso è unico: si sa di gatti che sviluppano un profondo legame affettivo, e di altri che invece si tollerano a malapena. In tutti i casi, i felini hanno un grande spirito di adattamento che rende qualsiasi convivenza una realtà possibile.

Attenzione agli imprevisti: a volte, ad integrazione ormai avvenuta,  può accadere che i mici improvvisamente non si riconoscano. Succede, ad esempio, quando uno dei due torna a casa dopo una visita o un'operazione chirurgica dal veterinario.

La colpa è dei trattamenti farmacologici, che coprono l'odore naturale. Niente paura: questo effetto è temporaneo. Col passare dei giorni, tutto tornerà alla normalità.

Per saperne di pù >>
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl